Fine alle patch di sicurezza per Windows 7 e 8.1 con le CPU più recenti

Se sul vostro nuovo PC con processore Kaby Lake avete pensato bene di installare il buon vecchio Windows 7 ci sono brutte notizie per voi. Microsoft ha infatti bloccato il rilascio di aggiornamenti software, inclusi quelli di sicurezza, per tutte le nuove CPU AMD e Intel su sistemi Windows 7 e 8.1.amd-ryzen-vs-intel-kaby-lake_01

Ma qual è il motivo di una scelta così drastica? A detta dell’azienda risiederebbe nell’ottimizzazione intrinseca di Windows 10 con gli ultimi processori sul mercato, lavoro che non vogliono, pardon, non può essere portato sui “vecchi” sistemi operativi.

È innegabile che Microsoft voglia in qualche modo limitare il più possibile la frammentazione dei suoi OS, anche alla luce del fatto che Windows 7 continua ad essere la versione più apprezzata e diffusa al mondo. Ciononostante a partire da questa settimana i processori basati su CPU AMD Ryzen o Intel Core Kaby Lake verranno aggiornati solo sull’ultimo sistema di casa Redmond.

All’apertura di Windows Update comparirà infatti un messaggio d’errore con tanto di scritta “l’hardware in uso non è supportato dal sistema operativo installato”. La soluzione più plausibile è ovviamente quella di effettuare un upgrade software o in alternativa lasciare il PC in balia di criticità più o meno pericolose ma ci sembra una mossa quanto mai azzardata.

Originally posted 2017-05-14 21:51:29.

Translate »
We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
More about our cookies